A disceisa

Quande s'arriva là dovve finisce

a gran salita e, senza fadigà,

se va avanti pe poco, se capisce

che no resta nint'àtro che chinà.

Allòa comme fa un che pè a disceisa

un carego o camalla e o no n'ha coae

e o se o leva da-e spalle perché o peiza

e lè o l'è stanco morto e in ciù o l'ha sae,

se descarega a saura(zavorra) che s'ha addosso

e se vorrieiva portà via o paggieu(scappare via),

destrigàse,fà fìto a sàtà o fosso,

o beive a zoventù, ma no se peu.

intanto o tempo o passa, a morte a vèn:

beati quelli c'han faeto do ben.

                                Antonio Canepa